Di Enrico Ponta

Trattandosi di un mondo a parte rispetto ai due universi rappresentati dagli alimenti e dai farmaci, considerazioni specifiche andrebbero riservate quando si parla di integratori. E invece molto spesso li immaginiamo allo stesso livello degli alimenti, in quanto esenti dall’obbligo di prescrizione medica. Errore comune è anche assumere un integratore senza una reale convinzione del suo beneficio, immaginando nel peggiore dei casi di non subire alcun effetto collaterale.

Gli integratori devono essere visti come principi attivi da utilizzare in modo calibrato e sotto un’indicazione esperta e competente. Da biologo nutrizionista vi propongo una classificazione recente (gennaio 2016) sugli effetti degli integratori che interessano da vicino lo sportivo:

Senza titolo

Efficacia dei principi attivi presenti negli integratori per attività di resistenza, di forza e per la salute. Verde: forte evidenza di effetti sulla performance. Giallo: evidenze scarse o ancora da verificare. Rosso: mancanza di evidenza scientifica, oppure sostanza bandita dalla WADA (World Anti-Doping Agency), oppure alto rischio di contaminazione con sostanze bandite.                     Fonte: Free Radical Biology and Medicine – New Strategies in Sport Nutrition to Increase Exercise Performance (2016).

Diamo un rapido sguardo ad alcune delle sostanze il cui effetto positivo sulla performance è verificato.

Sulla caffeina abbiamo già ampiamente discusso, e sappiamo che oltre il 90% degli umani adulti fa uso quotidiano di almeno di una fonte di questa sostanza. Il suo consumo a basse dosi può dare risultati positivi all’interno di un programma di allenamento nell’ottica di riduzione della sensazione di fatica, tuttavia conoscendo gli effetti collaterali è opportuno evitarne il consumo ad alte dosi o mischiata con altri stimolanti. Personalmente mi trovo in disaccordo con gli autori della tabella qui sopra, in quanto riportare la caffeina nella colonna verde suggerisce in modo erroneo l’assenza di rischi associati alla sua assunzione.

La creatina è interessante più che altro per chi pratica sport di squadra e nei runners che si concentrano su distanze brevi e su pista. La somministrazione di creatina è in grado di aumentare fino al 20% i livelli fisiologici nel sangue, favorendo maggiore volume muscolare e forza esplosiva. Gli effetti collaterali sono a carico dei reni, soprattutto per supplementazioni elevate e su lungo periodo.

Il succo di barbabietola è entrato di strapotenza nel mercato americano degli integratori, rappresentando una fonte sicura ed economica di nitrati. Tali sostanze producono una vasodilatazione a livello muscolare, molto efficace nell’ossigenare questi distretti e massimizzandone il nutrimento e la rimozione delle scorie. Personalmente trovo importante il consumo di nitrati per favorire gli adattamenti dell’allenamento endurance sul lungo periodo, ma può essere addirittura essenziale nel limitare il danno muscolare in situazioni di ipossia, oppure in acidosi (utile dagli sprint a massima intensità fino alle ultra sky race). 

La beta-alanina, contenuta in prodotti animali come la carne, se apportata regolarmente è efficace nel migliorare l’esercizio breve ad alta intensità. Il suo apporto ad alte concentrazioni come ad esempio negli integratori può essere causa di blandi effetti collaterali come il formicolio cutaneo.

La vitamina D è estremamente potente in quanto pro-ormone in grado di agire sulla funzionalità di sistema immunitario, apparato cardiovascolare e muscolo-scheletrico. Un’esposizione alla luce solare di almeno 15 minuti ci assicura il soddisfacimento del fabbisogno minimo durante i mesi estivi; per il restante periodo dell’anno ci affidiamo all’alimentazione, tuttavia poche fonti ne contengono quantità significative: latte, pesci grassi, uova e alcuni funghi cresciuti in serra. Una carenza può essere estremamente dannosa nel contesto di un programma di allenamento, poiché in grado di minare gli adattamenti muscolari e scheletrici -ed anche la regolarità degli allenamenti se viene coinvolto il sistema immunitario-. Integrare può essere una buona opzione soprattutto per chi spende molte ore della giornata in luoghi chiusi, facendo però attenzione a non oltrepassare il limite di 100 microgrammi giornalieri, soglia di tossicità stabilita dalle linee guida LARN del 2014.

Health-supplements

Dopo una carrellata di sostanze con effetti benefici verificati spostiamo l’attenzione su principi attivi ancora in fase di vaglio scientifico, cercando di anticipare le risposte che ci darà la ricerca nei prossimi anni.

Le (-)-epicatechine contenute nel cioccolato fondente sono degli antiossidanti della famiglia dei flavonoidi, le cui molteplici azioni sembrano produrre adattamenti fisici positivi dell’atleta. In particolare un loro apporto regolare promuoverebbe la resistenza alla fatica muscolare, la formazione di nuovi vasi sanguigni e lo sviluppo del metabolismo aerobico (brucia grassi). I dati clinici raccolti finora dimostrano un loro effetto sinergico con l’allenamento endurance in prospettiva di potenziamento della capacità aerobica. In attesa delle conferme scientifiche gli ultra-runners possono iniziare a testare su di se’ spuntini di cioccolato fondente (90% minimo) o ancor meglio di semi di cacao. 

La vitamina B3 (niacina) si trova in molti prodotti animali (carne, pollame, pesce, uova) e verdure a foglia verde. In studi sul topo ha dimostrato buone capacità nell’induzione di adattamenti metabolici (aumento della spesa energetica e riduzione dei livelli di colesterolo nel sangue), tuttavia ogni aspetto deve essere ancora verificato sull’uomo.

Il resveratrolo è un potente antiossidante della famiglia degli stilbeni. La sua presenza si fa associare in maniera imprescindibile al vino rosso, ma è presente in moderate quantità anche in altri cibi come i mirtilli, cioccolato fondente, burro di arachidi e uva di qualità nera. In studi su animali ha dimostrato avere effetti importanti come promotore dell’ossidazione dei grassi e della capacità di endurance. Inoltre la sua popolarità è in crescita, tanto che lo troviamo in forma di integratore in molte farmacie.  Pur essendo stato utilizzato con successo in alcuni trial clinici per la cura di individui obesi, al di fuori dell’ambito clinico i suoi effetti sul rimodellamento muscolo-scheletrico non sono chiari. Molti sono ancora gli aspetti da verificare prima di poter affermare che la sua integrazione è efficace in qualche direzione di tipo preventivo.

Conclusioni

Nonostante molti atleti abbiano introdotto l’integrazione come elemento routinario nel proprio quotidiano, alcuni di loro a macchia di leopardo stanno rivalutando le priorità, scegliendo di adottare un approccio ‘’food first’’ e attribuendo alle abitudini nutrizionali un ruolo sempre più essenziale. Dato il rischio di contaminazione da parte di alcuni integratori e il potenziale errore che i test farmacologici portano con se’, gli integratori devono essere somministrati solo in presenza di un razionale preciso.

EP

Fonti Bibliografiche

Blancquaert, L.; Everaert, I.; Derave, W. Beta-alanine supplementation, muscle carnosine and exercise performance. Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2015.

Knapik, J. J.; Steelman, R. A.; Hoedebecke, S. S.; Austin, K. G.; Farina, E. K.; Lieberman, H. R. Prevalence of Dietary Supplement Use by Athletes: Systematic Review and Meta-Analysis. Sports Med. 2015.

Outram, S.; Stewart, B. Doping through supplement use: a review of the available empirical data. Int J Sport Nutr Exerc Metab. 2015.

de Ligt, M.; Timmers, S.; Schrauwen, P. Resveratrol and obesity: Can resveratrol relieve metabolic disturbances? Biochim Biophys Acta. 2015.

Gutierrez-Salmean, G.; Ortiz-Vilchis, P.; Vacaseydel, C. M.; Rubio-Gayosso, I.; Meaney, E.; Villarreal, F.; Ramirez-Sanchez, I.; Ceballos, G. Acute effects of an oral supplement of (-)-epicatechin on postprandial fat and carbohydrate metabolism in normal and overweight subjects. Food Funct. 2014.

Burke, L. M. To beet or not to beet? J Appl Physiol (1985); 2013

Burke, L.; Desbrow, B.; Spriet, L. Caffeine for sports performance.Champaign Illinois: Human Kinetics. 2013.

Close, G. L.; Russell, J.; Cobley, J. N.; Owens, D. J.; Wilson, G.; Gregson, W.; Fraser, W. D.; Morton, J. P. Assessment of vitamin D concentration in nonsupplemented professional athletes and healthy adults during the winter months in the UK: implications for skeletal muscle function. J Sports Sci. 2013.

Lane, S. C.; Areta, J. L.; Bird, S. R.; Coffey, V. G.; Burke, L. M.; Desbrow, B.; Karagounis, L. G.; Hawley, J. A. Caffeine ingestion and cycling power output in a low or normal muscle glycogen state. Med Sci Sports Exerc. 2013.

MacKay, D.; Hathcock, J.; Guarneri, E. Niacin: chemical forms, bioavailability, and health effects. Nutr Rev. 2012.

Canto, C.; Houtkooper, R. H.; Pirinen, E.; Youn, D. Y.; Oosterveer, M. H.; Cen, Y.; Fernandez-Marcos, P. J.; Yamamoto, H.; Andreux, P. A.; Cettour-Rose, P.; Gademann, K.; Rinsch, C.; Schoonjans, K.; Sauve, A. A.; Auwerx, J. The NAD(+) precursor nicotinamide riboside enhances oxidative metabolism and protects against high-fat diet-induced obesity. Cell Metab. 2012.

Nogueira, L.; Ramirez-Sanchez, I.; Perkins, G. A.; Murphy, A.; Taub, P. R.; Ceballos, G.; Villarreal, F. J.; Hogan, M. C.; Malek, M. H. (-)-Epicatechin enhances fatigue resistance and oxidative capacity in mouse muscle. J Physiol. 2011.

Timmers, S.; Konings, E.; Bilet, L.; Houtkooper, R. H.; van de Weijer, T.; Goossens, G. H.; Hoeks, J.; van der Krieken, S.; Ryu, D.; Kersten, S.; Moonen-Kornips, E.; Hesselink, M. K.; Kunz, I.; Schrauwen-Hinderling, V. B.; Blaak, E. E.; Auwerx, J.; Schrauwen, P. Calorie restriction-like effects of 30 days of resveratrol supplementation on energy metabolism and metabolic profile in obese humans. Cell Metab. 2011.

Hamilton, S. A.; McNeil, R.; Hollis, B. W.; Davis, D. J.; Winkler, J.; Cook, C.; Warner, G.; Bivens, B.; McShane, P.; Wagner, C. L. Profound Vitamin D Deficiency in a Diverse Group of Women during Pregnancy Living in a Sun-Rich Environment at Latitude 32 degrees N. Int J Endocrinol. 2010.

Murase, T.; Haramizu, S.; Ota, N.; Hase, T. Suppression of the aging associated decline in physical performance by a combination of resveratrol intake and habitual exercise in senescence-accelerated mice. Biogerontology. 2009.

Buford, T. W.; Kreider, R. B.; Stout, J. R.; Greenwood, M.; Campbell, B.; Spano, M.; Ziegenfuss, T.; Lopez, H.; Landis, J.; Antonio, J. International Society of Sports Nutrition position stand: creatine supplementation and exercise. J Int Soc Sports Nutr. 2007.

Demay, M. B. Mechanism of vitamin D receptor action. Annals of the New York Academy of Sciences. 2006.

Pervaiz, S. Resveratrol: from grapevines to mammalian biology. FASEB J. 2003.